You are here!!


Nervo vago: un collegamento tra cervello e intestino

Numerose evidenze scientifiche dimostrano che esiste una forte connessione tra il sistema gastrointestinale e il sistema nervoso centrale1. Questa connessione, comunemente nota come "asse del cervello-intestino”, consente una comunicazione bidirezionale tra i due organi1 e comporta interazioni tra diverse componenti tra cui il sistema nervoso autonomo, il sistema nervoso centrale, il sistema effettore della risposta allo stress (asse ipotalamo-ipofisi-surrene), il sistema gastrointestinale e la risposta intestinale (comprendente la barriera intestinale, il microbiota e la risposta immunitaria intestinale)2.

Che cos’è il nervo vago                                      

Tra i diversi meccanismi alla base della comunicazione fra cervello e intestino, quello più diretto è sicuramente mediato dal nervo vago1. Il vago è il nervo più lungo che si trova all’interno del nostro organismo, infatti ha origine nel midollo allungato e si estende fino ad innervare i principali organi quali cuore, polmoni e tratto gastroenterico3.  

Il nervo vago è un misto di fibre efferenti (20%) e fibre afferenti (80%)3. Mentre le prime sono adibite alla trasmissione degli stimoli dal sistema nervoso centrale verso la periferia, le seconde trasmettono informazioni nella direzione opposta4

Il nervo vago fa quindi parte del sistema nervoso parasimpatico che, insieme al sistema nervoso simpatico, costituisce il sistema nervoso autonomo3. Quest’ultimo ha il compito di regolare i processi del nostro corpo che non possiamo influenzare coscientemente come respirazione, battito cardiaco e processi metabolici5. La componente parasimpatica del sistema nervoso autonomo regola diverse funzioni corporee quando siamo a riposo: ad esempio stimola la digestione, attiva vari processi metabolici e ci aiuta a rilassarci6. Al contrario, la componente simpatica interviene quando il nostro corpo si attiva per svolgere un’attività fisica o mentale, ad esempio facendo battere il cuore più forte e aprendo le vie respiratorie in modo da poter respirare più facilmente6.

Le informazioni trasmesse dall’intestino al cervello tramite il nervo vago

Le afferenze del nervo vago trasmettono al nostro sistema nervoso informazioni riguardanti l'osmolarità del lume intestinale, la quantità di carboidrati ingeriti, la presenza di alcuni tipi di farmaci2, e sono coinvolte nella regolazione dell'assunzione di cibo, della secrezione esocrina ed endocrina pancreatica3,7.

Le informazioni viscerali viaggiano tramite le fibre afferenti del nervo vago per poi essere integrate in specifiche regioni cerebrali altamente interconnesse tra loro, tra cui l’amigdala, l’ipotalamo e la corteccia. Queste aree cerebrali sono coinvolte nello sviluppo delle risposte mediate dal sistema nervoso autonomo di tipo ormonale, motorio e comportamentale8.

Il nervo vago media anche l’interazione tra microflora intestinale e cervello9. Infatti, i batteri che normalmente risiedono nel nostro intestino possono influenzare l’attività del sistema nervoso centrale, proprio tramite il nervo vago10. Inoltre, il microbiota intestinale è in grado di produrre vari tipi di molecole che interagiscono con il nostro cervello, come ormoni, peptidi e neurotrasmettitori11,12,13 e di sintetizzare acidi biliari, considerati potenti molecole di segnalazione che regolano una varietà di processi relativi sia al sistema nervoso che a quello immunitario14.

Alterazioni nella comunicazione bidirezionale tra cervello e microbiota intestinale sono coinvolte nella patogenesi della sindrome dell'intestino irritabile e di altri disturbi funzionali gastrointestinali15. Più recentemente, è emerso che questa alterazione potrebbe essere implicata nella fisiopatologia di diverse patologie cerebrali tra cui i disturbi dello spettro autistico, il morbo di Parkinson, i disturbi dell'umore e il dolore cronico15.

Il nervo vago in condizioni patologiche

Le attività del sistema nervoso simpatico e parasimpatico sono normalmente bilanciate3.

Questo equilibrio viene però interrotto quando si sviluppano patologie come la sindrome dell'intestino irritabile, le malattie infiammatorie dell'intestino, l'artrite reumatoide, e più in generale in condizioni di stress3. Lo stress, infatti, riduce l’attività del sistema parasimpatico mentre aumenta quella del sistema nervoso simpatico16 ed è coinvolto nella patofisiologia dei disturbi gastrointestinali17. Lo stress è in grado di ritardare lo svuotamento gastrico, alterare il transito intestinale, la motilità del colon e la flora intestinale, e soprattutto inibire il tono vagale3.

Poiché il nervo vago rappresenta una componente molto importante nel controllo della motilità gastrointestinale, un tono vagale basso potrebbe favorire in modo significativo l’insorgenza di disturbi gastrointestinali18.

Per questa ragione, di recente, si è pensato di utilizzare la stimolazione del nervo vago come possibile terapia non farmacologica per il trattamento dei disordini infiammatori del tratto gastrointestinale, della sindrome dell'intestino irritabile e dell’ileo postoperatorio3, tutte condizioni patologiche caratterizzate da un disequilibrio del sistema nervoso autonomo e da un tono vagale ridotto3.

 

 

[1] Houser MC, Tansey MG. The gut-brain axis: is intestinal inflammation a silent driver of Parkinson's disease pathogenesis? NPJ Parkinsons Dis. 2017 Jan 11;3:3.

[2] Bonaz BL, Bernstein CN. Brain-gut interactions in inflammatory bowel disease. Gastroenterology. 2013 Jan;144(1):36-49.

[3] Bonaz B, Sinniger V, Pellissier S. The Vagus Nerve in the Neuro-Immune Axis: Implications in the Pathology of the Gastrointestinal Tract. Frontiers in Immunology. 2017;8:1452.

[4] Whitwam JG. Classification of peripheral nerve fibres. An historical perspective. Anaesthesia. 1976 May;31(4):494-503.

[5] Autonomic Nervous System (Involuntary Nervous System). U.S. National Library of Medicine - The World's Largest Medical Library. PubMed Health Glossary. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMHT0025455/

[6] Parasympathetic Nervous System U.S. National Library of Medicine - The World's Largest Medical Library. PubMed Health Glossary. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMHT0025459/

[7] Bonaz B, Sinniger V, Pellissier S. Vagal tone: effects on sensitivity, motility, and inflammation. Neurogastroenterol Motil. 2016 Apr;28(4):455-62.

[8] Benarroch EE. The central autonomic network: functional organization, dysfunction, and perspective. Mayo Clin Proc 1993; 68: 988–1001.

[9] Forsythe P, Kunze WA, Bienenstock J. On communication between gut microbes and the brain. Curr Opin Gastroenterol. 2012 Nov;28(6):557-62.

[10] Schroeder BO, Bäckhed F. Signals from the gut microbiota to distant organs in physiology and disease. Nat Med. 2016 Oct 6;22(10):1079-1089.

[11] Stilling, R. M., Dinan, T. G. & Cryan, J. F. Microbial genes, brain & behaviour—epigenetic regulation of the gut-brain axis. Genes. Brain. Behav. 13, 69–86 (2014).

[12] Borre, Y. E., Moloney, R. D., Clarke, G., Dinan, T. G. & Cryan, J. F. The impact of microbiota on brain and behavior: mechanisms & therapeutic potential. Adv. Exp. Med. Biol. 817, 373–403 (2014).

[13] Frohlich, E. E. et al. Cognitive impairment by antibiotic-induced gut dysbiosis: Analysis of gut microbiota-brain communication. Brain. Behav. Immun. 56, 140–155 (2016).

[14] Bunnett, N. W. Neuro-humoral signalling by bile acids and the TGR5 receptor in the gastrointestinal tract. J. Physiol. 592(Pt 14), 2943–2950 (2014).

[15] Mayer EA, Tillisch K, Gupta A. Gut/brain axis and the microbiota. The Journal of Clinical Investigation. 2015;125(3):926-938.

[16] Tache Y, Bonaz B. Corticotropin-releasing factor receptors and stress-related alterations of gut motor function. J Clin Invest 2007; 117: 33–40.

[17] Pellissier S, Bonaz B. The place of stress and emotions in the irritable bowel syndrome. Vitam Horm (2017) 103:327–54.10.1016/bs.vh.2016.09.005

[18] Cunningham KM, Horowitz M, Riddell PS, Maddern GJ, Myers JC, Holloway RH, Wishart JM, Jamieson GG. Relations among autonomic nerve dysfunction, oesophageal motility, and gastric emptying in gastro-oesophageal reflux disease. Gut 1991; 32: 1436–40.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI