You are here!!


Activia®: 30 anni di ricerca

Activia®: 30 anni di ricerca

1980 
Gli scienziati Danone Nutricia Research lavorano sulla creazione di uno yogurt contenente bifidobatteri.

1985 
Dopo aver condotto molti esperimenti e selezioni in vitro, il team Danone Research identifica un ceppo di bifidobatteri che è in grado di prosperare e crescere nel latte - il nostro esclusivo Bifidus ActiRegularis.  

1986 
Selezioniamo quattro ulteriori ceppi di batteri da utilizzare in Activia, permettendo al Bifidus ActiRegularis di proliferare in quantità elevate. Questo processo innovativo costituisce il nostro ceppo mix esclusivo.

1987 
Bio di Danone, ora noto come Activia®, viene lanciato in Francia e Belgio.

1991 
Viene pubblicata a livello internazionale la prima relazione su Activia® e sulla sopravvivenza del nostro ceppo Bifidus ActiRegularis.
Al nostro esclusivo ceppo Bifidus ActiRegularis viene conferita una propria carta d'identità genetica.

2000 
Il Bifidus ActiRegularis viene depositato nella collezione del French National Collection of Cultures and Microorganisms (CNCM) - una raccolta di ceppi di fama mondiale all'interno dell'Istituto Pasteur di Parigi. Il nostro ceppo isolato è scientificamente identificato come Bifidobacterium lactis CNCM I-2494. 

2001 
Vengono pubblicati i risultati del primo studio clinico sulla comprensione dell'effetto del nostro ceppo probiotico Bifidus.

2002 
Successivamente, vengono pubblicati i risultati del primo studio clinico sulla comprensione dell'effetto di Activia®.

2005 
Viene completata e annotata la sequenza del genoma del nostro ceppo esclusivo Bifidus esclusivo.

2007 
Viene scoperto l'effetto di Activia® sui disturbi digestivi nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile (IBS).

2009 
Activia® è il punto focale di tre pubblicazioni sui disturbi digestivi. 

2011 
Viene pubblicata la sequenza del genoma del nostro ceppo probiotico Bifidus.
Viene effettuata la prima prova clinica per verificare come Activia® incide sulle modifiche del microbiota.

2013
Sono pubblicati i risultati di uno studio sul cibo probiotico (cioè Activia®) e il suo effetto sull'asse intestino-cervello in una popolazione sana.
Sono pubblicati i risultati di un'analisi aggregata di due studi clinici su Activia® e i disturbi digestivi.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI